Oltre 4 italiani su 10 rinunciano a cure sanitarie

Secondo il Censis, nel nostro Paese ci sono 3 milioni di persone non autosufficienti

Liste di attesa troppo lunghe nella sanità pubblica e costi troppo cari in quella privata, segnala il Censis, hanno fatto sì che nel 2014 “nel 41,7% delle famiglie almeno una persona in un anno ha dovuto rinunciare ad una prestazione sanitaria”. Le rinunce si registrano soprattutto “nei Comuni con al massimo diecimila abitanti (dove oltre il 59% delle famiglie ha razionato le spese nel welfare), nelle regioni del Sud e Isole (57%), tra le famiglie monogenitoriali e i Millenials”

Secondo il centro studi, ci sono 3 milioni di italiani che non sono autosufficienti e questo comporta una spesa annua per le famiglie di circa 10 miliardi. Gli italiani pagano di tasca propria “il 18% della spesa sanitaria totale - cioè, oltre 500 euro procapite all'anno - contro il 7% della Francia e il 9% dell'Inghilterra. Il 53,6% degli italiani dichiara che la copertura dello stato sociale si è ridotta e paga di tasca propria molte delle spese che un tempo venivano coperte dal sistema di welfare nazionale”.

Scrivi il tuo commento